Tossina Botulinica per Uso Estetico

Botox

Il nome commerciale “BOTOX” certamente ha reso popolare più del dovuto un trattamento di Medicina Estetica e di Chirurgia Estetica, che trova il razionale scientifico sul suo utilizzo grazie alle “proprietà farmacologiche” della tossina botulinica, farmaco da molti anni usato in campo medico per la correzione di patologie in cui risultano coinvolti i muscoli.

Solo per fare qualche esempio, si ricorda il suo utilizzo in Oculistica nelle forme di strabismo severo, in Neurologia nelle forme di paralisi spastiche periferiche, in Chirurgia Anale nelle patologie da ragadi in cui è coinvolto il muscolo sfintere.

L’uso in Campo Estetico inizia negli anni ‘90 in Canada ad opera dei medici Carrutheres, i quali si accorsero per caso che curando uno strabismo oculare, si spianavano le rughe peri-orbitali(zampe di gallina). Da allora ad oggi il suo utilizzo, forse troppo esteso, si è posto all’attenzione del mondo sanitario e della gente comune, e come sempre accade quando un trattamento diviene l’argomento mediatico del momento si crea una doppia corrente di pensiero: I favorevoli e i denigratori.


Con tutta la stima e il rispetto per i professionisti dei Paesi di lingua Inglese, l’uso esagerato che si è fatto in America, Inghilterra, Australia ha ridotto un atto medico ad un fenomeno di costume che come accade in questi casi, somiglia più ad una “moda” che ad una esigenza terapeutica.

Al di là delle questioni di merito, si deve riconoscere comunque che il “gran baccano” mediatico ha portato molta della potenziale utenza alla accettazione del trattamento, con grande soddisfazione per i risultati ottenuti, peraltro ripetibili, fugando molte delle paure legate al suo stesso nome, ossia Tossina Botulinica, che da sempre evoca venti di morte.


La tossina botulinica che viene usata è di tipo A, è purificata e dosata con un numero di unità farmacologiche già precostituite in flaconi sterili, che in commercio è chiamato Vistabex. Da parte dell’azienda che la produce (Allergan) è stato scelto tale nome per distinguere la tossina ad uso estetico da quella che viene impiegata in campo Neurologico ed Oculistico che invece è il più famoso Botox, che ancora oggi è il nome che tutti quanti, medici e pazienti, continuano ad usare.


In Italia è stata ufficializzata solo da 6 anni per il suo uso Estetico ed ogni anno vengono effettuati in media 25.000 nuovi trattamenti. Le indicazioni sono limitate alle rughe della Gabella, cioè le rughe localizzate fra le due sopracciglia e in genere hanno un andamento verticale.
Esiste poi la possibilità del suo uso off-label, cioè fuori autorizzazione Ministeriale, e che prevede il trattamento del muscolo frontale e delle regioni periorbitarie (zampe di gallina).


L’unico difetto vero della tossina è la possibilità di provocare la cosiddetta Ptosi Palpebrale, fenomeno transitorio, per quanto spiacevole, di scivolamento della palpebra, che però è evitabile, con un poco di attenzione da parte del medico e soprattutto da parte dei pazienti, che dovranno seguire attentamente e scrupolosamente le indicazioni che vengono impartite e spiegate durante la visita o Check-up Medico Estetico.


Video Gallery
Tossina Botulinica per Uso Estetico

Dr. Ettore Damiani

Il Dr. Ettore Damiani medico chirurgo da circa un trentennio svolge la sua attività professionale in campo medico-chirurgico, avendo maturato la sua esperienza formativa nei vari indirizzi della chirurgia generale d'urgenza presso la Clinica Chirurgica III di Palermo, affinando la materia medica con gli studi di medicina cosiddetta non convenzionale presso la Scuola Tedesca di Medicina Omeopatica ed Omotossicologica di Recheweg. Ha svolto per oltre vent'anni la sua attività di chirurgo generale e di urgenza presso alcune strutture ospedaliere della città di Palermo e della ... Leggi di più