Ecocolordoppler

L'ecolordoppler è una tecnica nata dall'evoluzione dell'ecografia Doppler. Si tratta di una tecnica ecografica, per cui utilizza ultrasuoni tra 2 e 20 MegaHertz per esplorare le profondità dell'organismo del paziente, e si basa sull'esistenza del fenomeno dell'eco, ovvero del ritorno delle onde quando colpiscono corpi solidi. La metodica ecografica di base, utilizzata per le ecografie classiche, per esempio sui feti in crescita, è stata con il tempo modificata. Già da venti anni esiste l'ecodoppler, che permette di monitorare in tempo reale la situazione anatomica e funzionale dei vasi sanguigni arteriosi e venosi e del cuore usando quello che è definito Duplex-Scanner, un sistema che sfruta quello che è detto Effetto Doppler, dal nome del suo scopritore, che permette, analizzando il grado di purezza del suono che torna all'apparecchio la situazione emodinamica del flusso sanguigno e permette di individuare stenosi.

L'ecocolordopller si basa sugli stessi identici principi: un'immagine ecografica bidimensionale in tempo reale incrociata con un segnale doppler pulsato, ma è notevolmente migliore e più precisa dell'ecodoppler. Si tratta di una tecnica incruenta e non invasiva. Non prevede nè inziezioni nè alcuna forma di danno cutaneo o superficiale. L'unica cosa che il medico si limita a fare è passare un gel, che dà un senso di freddo, sulla zona da analizzare. Tale metodica permette l'analisi in tempo reale di stenosi arteriose e venose, aneurismi, trombosi venosi superficiali e profonde e di verificare l'insufficienza venosa in determinate zone. Bisogna sottolineare che le onde a ultrasuoni non oltrepassano i corpi solidi come le ossa, quindi non si può usare sulle stesse, e neanche le gessature o le fasciature, quindi è applicabile solo sulla pelle diretta.

 

Dr. Ettore Damiani

Il Dr. Ettore Damiani medico chirurgo da circa un trentennio svolge la sua attività professionale in campo medico-chirurgico, avendo maturato la sua esperienza formativa nei vari indirizzi della chirurgia generale d'urgenza presso la Clinica Chirurgica III di Palermo, affinando la materia medica con gli studi di medicina cosiddetta non convenzionale presso la Scuola Tedesca di Medicina Omeopatica ed Omotossicologica di Recheweg. Ha svolto per oltre vent'anni la sua attività di chirurgo generale e di urgenza presso alcune strutture ospedaliere della città di Palermo e della ... Leggi di più