Liposcultura

La liposcultura è una delle tecniche chirurgiche estetiche più innovative e perfezionate degli ultimi anni. Essa èlegata e di fatto è una evoluzione, della tecnica nota come liposuzione. La liposuzione di fatto consiste in una operazione che consente di rimuovere in maniera localizzata e perfettamente calibrata, senza danni nè cicatrici, zone adipose situate in vari distretti del corpo.

Tale metodica chirurgica è notoriamente conosciuta, ma negli ultimi anni è stata   perfezionata a tal punto che gli inconvenienti manifestati all'inizio della sua applicazione sono ormai un ricordo, e tale tecnica è applicabile senza rischi o problemi di sorta. Con la liposuzione si riparano degli inestetismi e degli squilibri biologici dovuti ad accumuli di grasso in determinati distretti corporei dovuti a fattori ereditari e non a un sovrappeso. Ormai è assodato e dimostrato che dopo la pubertà non si producono adipociti, ovvero le cellule che incamerano il grasso come riserva. Con la liposuzione si rimuovono meccanicamente gli adipociti in eccesso, in maniera permanente. Tale tecnica, anche se all'inizio aveva imperfezioni e vi sono stati celebri casi di cronaca dovuti a una maldestra applicazione da parte dei medici, è ormai sicura. Alcuni inconvenienti legati ai casi più gravi sono stati risolti, e ormai è possibile operare anche pazienti affetti da gravi forme di accumulo adipocitario. 

Dal punto di vista puramente statistico, tale metodica è una delle più sicure immaginabili, in quanto storicamente, su oltre 100.000 pazienti operati vi sono stati solo 19 decessi, tutti imputabili ad errori medici e non alla tecnica in sè. In pratica, si corrono molti più rischi andando alla clinica in macchina, di quanto se ne corrano con l'intervento stesso.

La liposcultura è l'up-grade della liposuzione. Essa non solo rimuove gli adipociti in eccesso, ma rimodella il corpo a 360°, considerando le imperfezioni estetiche dovute ad accumuli di adipociti. In molti casi, infatti, non basta una semplice rimozione degl adipociti, in quanto il corpo presenta avvallamenti e montagnole adipose, e anche mancanza di proiezioni di parti anatomiche. In sostanza, in questi casi, rimuovere e basta le cellule adipose non serve a ridare una forma esteticamente gradevole, e anzi rischia di peggiorere l'insieme dal punto di vista visivo. Ma per fortuna è stata inventata la liposcultura, che permette di riposizionare alcune delle cellule adipose prelevate in altri distretti per modellare il corpo in modo da dargli una forma omogenea e aggraziata, così come dovrebbe essere.

Essendo di base una liposuzione perfezionata, la liposcultura viene effettuata con tutte le caratteristiche della tecnica da cui deriva. Ogni caso è trattabile separatamente dagli altri. La liposcultura è applicabile in un gran numero di situazioni, da fianchi troppo prosperosi a casi di addome prominente, da casi di adipe localizzato a casi di doppio mento e tanti altri ancora.  Dal punto di vista tecnico si parla di una incisione leggera effettuata sulla cute e l'aspirazione degli adipociti in eccesso con l'uso di una cannula di 2-3 mm di diametro. dato che l'iniezione della cannula rompe inevitabilmente alcuni capillari, nelle zone trattate ci saranno segni di ecchimosi leggere che saranno riassorbite in un paio di settimane.

In ogni caso, queste sono considerazioni generali, come già detto, il medico considererà ogni caso a sè stante e inteverrà di conseguenza. Ci sono casi di adipe localizzato che richiedono blandi interventi, e casi che devono essere efftuati in anestesia localizzata profonda o anche in anestesia generale. Operazioni di un'ora scarsa e operazioni di svariate ore. Ormai con le tecniche moderne si possono prelevare fino a oltre sei litri di grasso per paziente. Tali operazioni sono definite di MegaLiposuzione. In tali casi, per vitare segni di ecchimosi gravi dovute all'entità del prelievo, si iniettano dei forti vasocostrittori durante l'operazione di aspirazione.

Comunque sia l'intervento, il paziente sarà sempre seguito dal medico e per ogni forma di anestesia, anche quelle parziali ma profonde, ci sarà sempre un anestesista esperto a coadiuvare l'intervento.

 

 

Dr. Ettore Damiani

Il Dr. Ettore Damiani medico chirurgo da circa un trentennio svolge la sua attività professionale in campo medico-chirurgico, avendo maturato la sua esperienza formativa nei vari indirizzi della chirurgia generale d'urgenza presso la Clinica Chirurgica III di Palermo, affinando la materia medica con gli studi di medicina cosiddetta non convenzionale presso la Scuola Tedesca di Medicina Omeopatica ed Omotossicologica di Recheweg. Ha svolto per oltre vent'anni la sua attività di chirurgo generale e di urgenza presso alcune strutture ospedaliere della città di Palermo e della ... Leggi di più