Mastoplastica riduttiva

La mastoplastica riduttiva è una tecnica nata per ovviare al problema di un eccessivo volume del seno femminile. Fenomeni di Gigantomastia e Iperplasia non costituiscono nelle donne solo un problema estetico, ma anche a lungo andare problemi di natura psicologica e fisiologica. Un volume eccessivo del seno può portare a fastidiosi disturbi quali dolori alla schiena e alle articolazioni e scoliosi. La tecnica della Mastoplastica Riduttiva consiste nella riduzione del volume ghiandolare e del tessuto adiposo e nel rimodellamento del rimanente mediante una tecncia di pessia che permette il riposizionamento superiore della ghiandola mammaria e del complesso areola-capezzolo. Esistono diverse forme di ipertrofia del seno, alcune coinvolgono la ghiandola stessa, e sono definite pure. Esitono forme di ipertrofia miste, in cui la ghiandola è infiltrata da tessuto adiposo, ed esitono ipetrofie integralmente adipose, associate a fenomeni di obesità. 

Il trattamento è consigliato nei casi di seno ipersviluppato, o di un volume dello stesso sproporzionato rispetto al resto del corpo, in caso di seno pendulo o di dolori vari causati dalle eccessive dimensioni del seno stesso. La durata di un'operazione di Mastoplastica Riduttiva va da un minimo di 2-3 ore a oltre 4 ore, ed è effettuata in condizioni di anestesia totale. La tecnica non altera la funzionalità della ghiandola mammaria stessa, e non preclude la possibilità di allattare dopo il parto.  Bisogna sottolineare che il risultato è permanente.

Una delle tecniche più note è la Short-Scar, o "a cicatrice corta", descritta per la prima volta nel 1989 dalla dottoressa Madame Lejour, chirurgo plastico di Bruxelles. Si basa sull'incisione intorno all'areola del capezzolo, e di una ulteriore incisione appena sotto la prima, con l'asportazione della cute e del grasso in eccesso. Ulteriori incisioni sono effettuate dal medico solo nei casi più estremi e gravi di Gigantomastia.  

Un'altra tecnica che trova spesso indicazione è la Tecnica secondo Pitanguy. A queste tecniche appena descritte se ne possono accostare altre, che però sono variazioni sul tema.

Anche se esistono molte tecniche di Mastoplastica Riduttiva, ogni caso è di fatto unico, quindi ad ogni paziente sarà applicata la tecnica più appropriata per lo stesso. Non bisogna pensare che due donne aventi apparentemente lo stesso problema e le stesse condizioni di base vengano per forza operate con la stessa identica tecnica.  

 

 

Dr. Ettore Damiani

Il Dr. Ettore Damiani medico chirurgo da circa un trentennio svolge la sua attività professionale in campo medico-chirurgico, avendo maturato la sua esperienza formativa nei vari indirizzi della chirurgia generale d'urgenza presso la Clinica Chirurgica III di Palermo, affinando la materia medica con gli studi di medicina cosiddetta non convenzionale presso la Scuola Tedesca di Medicina Omeopatica ed Omotossicologica di Recheweg. Ha svolto per oltre vent'anni la sua attività di chirurgo generale e di urgenza presso alcune strutture ospedaliere della città di Palermo e della ... Leggi di più