Mastopessi

Con il passare dell'età il seno femminile tende a svuotarsi ed abbassarsi. Questo perché la pelle, sempre meno tonica ed elastica, viene meno alla sua funzione di sostegno del seno stesso, provocando evidenti inestetismi. Anche una gravidanza e l'allattamento conseguente possono, anche in giovane età, causare un abbassamento indesiderato del seno.

La mastopessi è una tecnica che viene in aiuto alle donne con tale problema. Tale intervento consiste nell'eliminazione della pelle in eccesso e nel risollevamento e riposizionamento della ghiandola mammaria. Non è un intervento invasivo con introduzione di protesi, alla fine del risollevamento della ghiandola mammaria e del complesso del seno, la taglia di reggiseno portata dalla paziente sarà di poco più piccola. Ovviamente la mastopessi può essere associata sia all'eliminazione di massa eccessiva che all'inserimento di massa esterna, diventato quindi un intervento di mastoplastica riduttivo a accrescitiva.

La mastopessi in sè e per sè, è caratterizzata da un intervento che va da un'ora e mezza a due ore e mezza, ed è consigliata nei casi di seno cadente o eccessivamente rilassato, con pieghe della pelle. L'intervento dal punto di vista tecnico è effettuato in anestesia totale, ed esistono diverse tecniche di rassodamento. Una delle più usate è la Round-Block, che consiste nell'alzare il complesso areola-capezzolo effettuando una incisione circolare intorno all'areola mammaria. Un tempo tale metodica causava una visibile cicatrice, ma ormai la tecnica è stata così affinata che l'inevitabile cicatrice è quasi invisibile. L'operazione non interviene sulla ghiandola mamamria stessa, quindi non danneggia le possibilità di allattamento future della paziente.

Foto Gallery
Mastopessi con Protesi Caso Clinico

Dr. Ettore Damiani

Il Dr. Ettore Damiani medico chirurgo da circa un trentennio svolge la sua attività professionale in campo medico-chirurgico, avendo maturato la sua esperienza formativa nei vari indirizzi della chirurgia generale d'urgenza presso la Clinica Chirurgica III di Palermo, affinando la materia medica con gli studi di medicina cosiddetta non convenzionale presso la Scuola Tedesca di Medicina Omeopatica ed Omotossicologica di Recheweg. Ha svolto per oltre vent'anni la sua attività di chirurgo generale e di urgenza presso alcune strutture ospedaliere della città di Palermo e della ... Leggi di più